Informazioni sul Bilancio al 31 marzo 2014

INFORMAZIONI SULLA RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO AL 31 MARZO 2014

Il progetto di bilancio relativo all'esercizio con chiusura al 31 marzo 2014 (di seguito anche FY2013), che sottoponiamo all'approvazione dell'Assemblea, presenta un utile di esercizio di Euro 17.469.452.

Il valore dei Ricavi delle vendite e delle prestazioni conseguito è stato pari ad Euro 338.863.754 registrando un incremento di circa 5,75% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Principali dati economici e finanziari*

*migliaia di euro

338.864
Rcavi netti
31.955
Risultato della gestione Caratteristica
17.469
Utile/(Perdita) dopo le tasse
21.286
Autofinanziamento
491
Numero di dipendenti

STRUTTURA SOCIETARIA ED INFORMAZIONI SULL’ATTIVITA’ DI “DIREZIONE E COORDINAMENTO”

La struttura azionaria di Takeda Italia S.p.A. alla chiusura dell’esercizio è così composta:

  • Takeda GmbH, titolare di n.15.000 azioni ordinarie corrispondenti ad un valore nominale di Euro 1.500.000 ed una percentuale del capitale sociale pari al 13,3%;
  • Nycomed Germany Holding GmbH, titolare di n. 75.000 azioni ordinarie corrispondenti ad un valore nominale di Euro 7.500.000 ed una percentuale del capitale sociale pari al 66,7%;
  • Finanziaria Gold – Fingold S.p.a., titolare di n. 22.500 azioni ordinarie corrispondenti ad un valore nominale di Euro 2.250.000 ed una percentuale del capitale sociale pari al 20,0 %.

Come già indicato nel bilancio d’esercizio chiuso al 31 marzo 2013, in osservanza di quanto stabilito nel D.Lgs. n. 6/2003 in tema di gruppi e, così come richiesto dal documento emesso dall’OIC (Organismo Italiano di Contabilità), al fine di dare una visione complessiva e dinamica nel tempo, si fa presente che la Takeda Pharmaceutical Company Ltd espleta l’attività di direzione e coordinamento sulla Vostra Società, le cui relazioni riguardano principalmente l’acquisto di materie prime necessarie per il processo produttivo delle specialità medicinali e le royalties per la concessione delle licenze d’uso di prodotti.

Takeda Pharmaceutical Company Ltd Bilancio consolidato aL 31 marzo 2014 (in milioni di yen)

Stato patrimoniale
attivo
31.03.2014
31.03.2013
Immobilizzazioni
2.534.605
2.402.503
Attivo circolante
2.034.539
1.650.053
Totale attivo
4.569.144
4.052.556
passivo
31.03.2014
31.03.2013
Capitale sociale
63.562
63.541
Riserve
2.407.177
2.210.562
Patrimonio di terzi
859.984
64.183
Fondi per rischi e oneri
76.497
584.568
Trattamento di fine rapporto
76.497
66.641
Debiti
952.281
940.426
Ratei e risconti
139.748
122.634
Totale passivo
4.569.144
4.052.556
Conto economico
31.03.2014
31.03.2013
Ricavi netti
1.691.685
1.557.005
Costi e spese operative
(1.552.412)
(1.492.011)
Utile operativo
139.274
64.994
Altri ricavi (costi) netti
19.577
68.075
Utile prima delle imposte
158.851
133.068
Imposte dell'esercizio
(49.292)
17.627
Utile dell'esercizio
109.558
150.695
Utile di terzi
(2.900)
(2.113)
Utile del gruppo
106.658
148.583

I dati sopra esposti sono riferiti all'esercizio sociale giapponese dal 01.04.2014 al 31.03.2014 Il tasso di cambio al 31/03/2014 è pari a 142,42 Yen per 1 Euro

Il contesto macroeconomico generale ed il settore farmaceutico in Italia

Le medesime criticità che hanno contrassegnato la congiuntura economica nel 2011 e nel 2012 hanno continuato a persistere anche nel 2013, anno in cui l'andamento dell'economia mondiale è rimasto debole.
Nel 2013 il prodotto mondiale ha infatti lievemente decelerato. La dinamica dell'attività economica nei principali paesi avanzati è stata nel complesso modesta, anche se vanno rilevati alcuni segnali di rafforzamento.
Nel primo trimestre del 2014 la ripresa dell'attività economica e degli scambi commerciali, che era proseguita nel quarto trimestre del 2013, si è leggermente indebolita; secondo le più recenti proiezioni dell'FMI la ripresa globale riprenderebbe tuttavia vigore più avanti nell'anno.
Nei primi mesi del 2014 tuttavia si è assistito all'acuirsi delle tensioni tra Ucraina e Russia con potenziali ripercussioni sull'economia globale.

Nel nostro Paese la contrazione del PIL, iniziata nell'estate del 2011, si è gradualmente attenuata nel corso del 2013. Nel trimestre finale l'attività economica ha registrato la prima, pur modesta, variazione positiva; tuttavia, sulla base delle stime preliminari dell'Istat rilasciate il 15 maggio 2014, nei primi tre mesi di quest'anno il PIL è lievemente sceso
(-0,1%). Nel complesso del 2013 il prodotto è diminuito dell'1,9 per cento.

Il quadro della farmaceutica in Italia continua a essere influenzato dalla riorganizzazione del settore a livello internazionale, riorganizzazione resa più complessa dalla contemporanea crisi macroeconomica. Mentre si conferma la vitalità delle imprese operanti nel Paese (export ancora in crescita e ormai pari al 67% della produzione), si registrano segnali di crescente preoccupazione per la sostenibilità di tali risultati.

In particolare è proseguito il calo dell'occupazione (-2,3% nel 2012 e -15,3% complessivamente dal 2006 al 2012); gli investimenti in produzione e Ricerca sono diminuiti per la prima volta in 10 anni (-2,5%), il mercato interno continua a comprimersi, con forti pressioni sull'equilibrio tra prezzi e costi.
Dal 2001 al 2012 a fronte di un PIL cresciuto globalmente del 24,7%, la spesa pubblica e privata per medicinali in farmacia è aumentata del 2,3% e pertanto rispetto al PIL è scesa dall'1,38% del 2001 all'1,14% del 2012 La spesa pro capite nel canale farmacia in Italia si conferma inferiore a quella della media degli altri Paesi europei (-28%).

Rispetto al PIL la spesa farmaceutica totale (pubblica e privata, canale farmacia) in Italia rappresenta l'1,14%, in calo rispetto all'anno precedente (1,20%). Un valore inferiore alla media dei Paesi Big Ue (1,34%) e a quella del complesso dei Paesi europei (1,24%).

A febbraio 2014 ISTAT ha pubblicato il rapporto 2013 sulla competitività dei settori produttivi e l'industria farmaceutica figura al primo posto tra i settori manifatturieri per l'indicatore di competitività, un dato di sintesi che comprende, produttività, performance sui mercati esteri, innovazione e redditività.

Questo dato testimonia il valore delle imprese del farmaco e l'importanza del loro ruolo per il rilancio dell'economia in Italia.

Tale primato viene dopo altri due dati estremamente significativi pubblicati recentemente sempre dall'Istat: l'industria farmaceutica in Italia ha infatti il più alto tasso di crescita dell'export nel 2013, +14% rispetto ad una media pari allo zero e della produzione industriale, +5% rispetto a un calo del 3%.

(fonti rapporto ISTAT e commento del Presidente Farmindustria febb 2014)

L'incidenza dell'industria farmaceutica sul totale dell'industria manifatturiera in Italia varia dall'1,6% dell'occupazione all'11,0% delle spese per Ricerca e Sviluppo.

La crescita delle esportazioni negli ultimi 16 anni ha determinato il 96% della crescita della produzione del settore farmaceutico.

Dal 2002 il valore della produzione farmaceutica è cresciuto complessivamente del 22%, per effetto di una crescita del 70% delle esportazioni, a fronte di un calo del 22% per le vendite interne. Nello stesso periodo il PIL a valori correnti è cresciuto del 20% e l'inflazione del 25%.

Il processo di internazionalizzazione coinvolge il settore farmaceutico molto più della media industriale, sia per la presenza di imprese estere in Italia, sia per la proiezione all'estero di quelle italiane. Tra le imprese a capitale italiano, le farmaceutiche sono al primo posto per investimenti rispetto al fatturato e per grado di internazionalizzazione. Tra le imprese a capitale estero quelle farmaceutiche sono le prime per il valore degli investimenti in Italia. (Fonte Farmindustria)

Responsabilità sociale dell'impresa


La Società, nello svolgimento delle proprie operazioni commerciali e nei rapporti con le parti interessate, continua nel proprio impegno teso a consolidare una cultura di responsabilità sociale dell'impresa mantenendosi sensibile alle preoccupazioni sociali ed ambientali.

Tra le attività condotte da Takeda Italia riconducibili a un principio di responsabilità sociale possono essere citate diverse iniziative che si rivolgono prima all'interno dell'Azienda - alle proprie risorse umane - per poi passare all'esterno della stessa.

Per il proprio personale la Società, oltre alle attività già avviate ed apprezzate, ha realizzato alcune iniziative tra le quali:

  • il Children Day presso lo Zoomarine di Roma. Iniziativa oramai consolidata e rivolta ai figli dei dipendenti, che quest'anno ha offerto ai bambini la possibilità di visitare il parco divertimenti e conoscere da vicino gli animali marini che lo abitano;
  • il Check Up Day per il personale di Sede. Programma di prevenzione sanitaria, su base volontaria, con analisi emato-chimiche generali e specifiche per profilo elettrolitico, auto immunità, ormonale (per le donne) e visite specialistiche: dermatologica con epiluminescenza;
  • prevenzione in rosa per le donne dipendenti della Sede di Roma. Iniziativa realizzata in occasione della Festa della Donna che ha offerto la possibilità di effettuare gratuitamente, presso il centro medico di riferimento dell'Azienda, alcune prestazioni quali: Pap Test, ecografia transvaginale, ecografia mammaria, visita ginecologica;
  • l'omaggio a tutto il personale della Sede della tessera Interclub, centro servizi per il tempo libero ed i consumi familiari.

All'esterno la Società continua a consolidare il proprio ruolo di azienda impegnata nella prevenzione e sensibilizzazione su importanti patologie ad impatto sociale.

In linea con l'ormai consolidata strategia aziendale di fare informazione e prevenzione attraverso canali sempre innovativi, vengono realizzate diverse iniziative:

  • la seconda edizione della campagna "Salva la vita con stile". Sostenuta da Takeda e realizzata da UNAMSI - Unione Nazionale Medico Scientifica di Informazione - l'iniziativa ha consentito, attraverso la distribuzione di un pieghevole informativo presso le farmacie di Roma e Milano, di sensibilizzare su alcune fra le più note Malattie Non Comunicabili (malattie respiratorie croniche, ipertensione, dieta e nutrizione, malattie renali croniche, obesità e colesterolo);
  • l'ampliamento del sito web dell'Associazione Cittadinanzattiva sulle malattie rare ed i tumori rari. Il progetto ha previsto in particolare l'ampliamento della sezione riservata alle patologie rare nei giovani;
  • l'ampliamento del sito web di Susan G. Komen Italia Onlus sui tumori al seno. I tumori al seno rappresentano le neoplasie maligne più frequenti fra le donne di tutte le età e la principale causa di morte nella popolazione femminile, con un forte impatto nella comunità. Il progetto ha previsto un potenziamento della parte multimediale, legata alle attività istituzionali dell'Associazione ed alle diverse iniziative d'informazione e prevenzione che la connotano

La solidarietà nel sociale è invece testimoniata dalle iniziative in cui la Società è coinvolta da tempo e su diversi fronti in collaborazione con alcune associazioni no profit operanti in tutto il mondo a sostegno dei più bisognosi.

Mantenendo sempre in modo costante l'impegno con strutture sanitarie, associazioni specialistiche ed associazioni non lucrative, attraverso l'erogazione di finanziamenti di borse di studio e contributi a sostegno di progetti umanitari, nell'anno finanziario la Società si è particolarmente impegnata nel sostegno di alcuni importanti progetti quali:

  • il sostegno alla nuova edizione dell'iniziativa "Emergenza freddo", realizzata dal Municipio IX (ex XII) di Roma in collaborazione con la Caritas e la Comunità di Sant'Egidio. Takeda, presente con la propria Sede nel territorio del Municipio IX, ha contributo al progetto, facendosi carico dei costi relativi al noleggio della struttura di accoglienza. Un'iniziativa che serve a far fronte all'emergenza freddo e, soprattutto, a promuovere il reinserimento nella vita sociale e lavorativa di chi ha perso la casa ed il lavoro. Ogni notte le sedici persone ospitate trovano, oltre ad un riparo contro il freddo, anche vestiti ed i servizi igienici necessari per potersi presentare ad eventuali incontri di lavoro. Inoltre, ogni sera i volontari della Caritas e della Comunità di Sant'Egidio, in collegamento con le parrocchie del Municipio IX, portano pasti caldi ed aiutano chi ne ha bisogno ad uscire dalla propria situazione di difficoltà. L'iniziativa ha già permesso a più della metà delle persone ospitate di ritrovare il loro posto nella società, un lavoro e una casa;
  • la donazione a Croce Rossa Italiana ed a AGIRE Onlus per le iniziative a sostegno rispettivamente dell'emergenza alluvione in Sardegna e tifone Haiyan nelle Filippine. Le donazioni sono state realizzate grazie anche al generoso contributo di molti dipendenti;
  • il BAOBAB Project, in collaborazione con Amicus Onlus, nell'ambito del quale medici italiani svolgono volontariamente la propria attività presso il Baobab Medical Centre - all'interno del villaggio Baobab costruito nel distretto di Biriwa in Ghana - allo scopo di fare formazione e trasferire così le informazioni più aggiornate al personale medico ed infermieristico ghanese;
  • l'adozione a distanza di 10 bambini residenti in paesi in via di sviluppo, in collaborazione con Reach Italia Onlus;
  • il sostegno ad Amref per:
    • l'Outreach Medical Service Programme dei Flying Doctors di, progetto umanitario che porta assistenza medica a circa 30 milioni di abitanti delle aree rurali dell'Africa orientale e coinvolge 150 ospedali;
    • la formazione annuale di due infermieri per la cura e lo studio delle patologie più diffuse nelle aree remote dell'Africa orientale;
  • la promozione, presso il proprio personale di Sede e di Stabilimento, di una raccolta di generi alimentari e regali per "Il Pranzo di Natale" organizzato dalla Comunità di Sant'Egidio e rivolto ai senza fissa dimora, anziani, stranieri, disabili e persone indigenti di Novara e dei quartieri Eur-Laurentino e Garbatella-Ostiense di Roma;
  • il sostegno a Bambini Cardiopatici nel Mondo A.I.C.I. Onlus, per la realizzazione di interventi chirurgici per pazienti indigenti presso l'Azadi Heart Center di Duohok nel Kurdistan Iracheno;
  • la donazione all'Associazione Nazionale per la Lotta contro l'AIDS - Sezione Lazio -, a sostegno del "Progetto Scuola" per la promozione ed il miglioramento della prevenzione del virus HIV presso gli studenti;
  • il sostegno di Oncologia per l'Africa Onlus per la realizzazione di una campagna di screening ginecologico e senologico per le donne del distretto di Kitgum in Uganda e per la partecipazione del Dr. Andrew Oryono, giovane medico del St. Joseph Hospital di Kitgum, alla terza ed ultima annualità del Corso di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia;
  • il sostegno, nella spesa alimentare per una settimana, di ottanta famiglie che accedono gratuitamente all'Emporio della Solidarietà di Caritas Roma. Il progetto sociale rappresenta lo strumento per permettere alle famiglie di recuperare un atteggiamento più attivo di fronte alle difficoltà e agli eventi negativi, facendo leva sulle proprie risorse;
  • l'adozione, per due mesi, di cinque famiglie con bambini della Casa di Andrea di Andrea Tudisco Onlus, associazione che opera a Roma con l'obiettivo di tutelare il diritto alla salute dei bambini che, non potendo essere assistiti nelle strutture delle città di residenza, hanno bisogno di essere curati nei reparti specializzati degli ospedali romani;
  • il sostegno della missione chirurgica in Iraq di Emergenza Sorrisi Onlus per operare bambini affetti da malformazioni del volto.

A queste iniziative si aggiungono quelle realizzate dallo Stabilimento di Cerano, allo scopo di mantenersi vicini alle esigenze del proprio territorio, in collaborazione con le Istituzioni e le associazioni no profit locali. Tra queste si evidenzia:

  • il sostegno alla Fondazione "I Bambini delle Fate" per il progetto "Adotta una terapia" per dare assistenza ai bambini autistici nel centro specializzato di Novara;
  • la donazione all'Associazione Umanitaria "Noi con Loro" sezione di Cerano per il progetto di accoglienza dei bambini bielorussi;
  • la donazione all'Associazione ONLUS "VO.CE Volontari Ceranesi" finalizzata al completamento di alcuni interventi per la loro nuova sede.

La Società conferma, altresì, il proprio impegno per la difesa dell'ambiente e la tutela delle risorse e, dopo il lancio nel 2010, continua ad affermare "Green Project Takeda", iniziativa realizzata allo scopo di catalizzare le risorse aziendali impiegandole al fine di massimizzare la performance e diffondere all'interno dell'Azienda una cultura "verde", sviluppando così una maggiore consapevolezza e responsabilità nei confronti dell'ambiente.

Iniziativa di particolare rilievo posta in essere nel 2013 è stata l'introduzione in Car Policy di modelli "green" ibridi per ciascuna categoria d'auto prevista. L'iniziativa che è stata accolta favorevolmente dagli utilizzatori, permetterà alla Società di abbattere ulteriormente la media di emissioni di CO2 prodotte dal parco auto.


Progetto di risparmio energetico e diminuzione impatto ambientale

In accordo con i "Basic principles on the environment" , con i "Takeda Standard" e con la "Carta dei valori aziendali", lo stabilimento di Cerano di Takeda Italia ha proseguito anche nel corso del FY 2013 una politica aziendale finalizzata a conciliare le operazioni industriali con un costante rispetto dell'ambiente

Da anni lo Stabilimento di Cerano, persegue un piano finalizzato a una gestione responsabile delle risorse naturali cercando di ridurre al massimo l'impatto ambientale.

Il progetto pluriennale ha visto nell'anno fiscale 2013 la realizzazione di numerosi interventi tra i quali:

  • Razionalizzazione del funzionamento degli impianti di trattamento aria per diminuire i consumi garantendo nel contempo piena osservanza delle condizioni termoigrometriche nei reparti e nei laboratori.
  • Incremento dell'efficienza dei generatori di aria compressa per uso industriale.
  • Sostituzione del sistema centrale di abbattimento polveri.
  • Centralizzazione del sistema di aspirazione di rifiuti liquidi.
  • Installazione di lampade a basso consumo e ad alta efficienza energetica.
  • Interventi formativi mirati e diffusione delle procedure dei sistemi di gestione ambiente e sicurezza via web per una migliore e più facile consultazione da parte di tutti i dipendenti.

Il risultato di queste azioni ha determinato rispetto all'anno precedente:

  • una riduzione dei consumi di energia elettrica del 21.5%
  • una diminuzione della quantità di rifiuti prodotti nell'insediamento pari al 9%
  • emissioni evitate di CO2 pari al 1.363 Ton

Nel corso del FY 2013 lo stabilimento di Cerano ha ottenuto il rinnovo della Certificazione UNI EN ISO 14001 per il proprio Sistema di Gestione Ambientale dopo un'ispezione che non ha rilevato alcuna deviazione rispetto alle norme ISO 14001 confermando così l'affidabilità del sistema gestionale implementato in questi anni. Nel corso dell'anno è stata ottenuta anche la certificazione del Sistema di Gestione della Sicurezza ed Igiene del Lavoro secondo la norma OHSAS 18001.