Colite ulcerosa

La colite ulcerosa

La colite ulcerosa è una malattia che interessa l'apparato gastro-enterico e fa parte delle ''malattie infiammatorie croniche intestinali'' o MICI
La colite ulcerosa determina una importante infiammazione cronica che interessa la mucosa della parte terminale del grosso intestino, il colon, presso la regione del retto e del sigma.
Diarrea, anche ematica ossia che contiene sangue, febbre, anemia e dolori addominali sono i segni e sintomi principali.

La colite ulcerosa ha un decorso cronico con fasi in cui i sintomi si manifestano con maggiore intensità e fasi di relativa quiete. La malattia può insorgere a tutte le età ma di solito si manifesta nel giovane adulto. Tuttavia quando ad esserne affetto è un anziano, l'esordio avviene più spesso con un grave attacco iniziale e presenta dei tassi di mortalità e morbilità più elevati.
La colite ulcerosa colpisce con maggiore frequenza chi vive nei paesi industrializzati. Si stima che in Italia siano affetti da 60 a 100.000 pazienti.

Diagnosi e terapia

La diagnosi viene ipotizzata in base ai sintomi e alla presenza di alterazioni degli esami del sangue (positività dei test indicativi di infiammazione in atto). Per confermarla si ricorre in genere a un esame endoscopico (retto-sigmoidoscopia o colonscopia), completato da prelievi di tessuto (biopsie).
Non è possibile guarire completamente ma un trattamento medico adeguato, personalizzato in base alla gravità della patologia, può consentire una aspettativa di vita simile a quella della popolazione generale e una qualità di vita più che accettabile.


La terapia farmacologica ha i seguenti scopi:

  • consentire di controllare rapidamente i segni e sintomi delle fasi acute;
  • prevenire le riacutizzazioni;
  • evitare complicazioni e ridurre la necessità di ospedalizzazioni ed interventi chirurgici.

 

Le informazioni riportate nella presente scheda non sono esaustive; per ulteriori informazioni sulla patologia rivolgersi al proprio medico.