Gastroenterologia

Almeno duecentomila persone in Italia sono affette da colite ulcerosa, malattia di Crohn e in genere da malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI) mentre si stima che il 10-20% della popolazione soffra di patologie gastroesofagee come il reflusso gastrico. Queste patologie si stanno diffondendo sempre più, complici anche i cambiamenti sociali legati agli stili di vita. Il disagio che caratterizza chi è affetto da MICI è dovuto al fatto che si tratta di patologie caratterizzate da una "disabilità cronica" ma "invisibile", sulla quale i pazienti stessi fanno calare un muro di silenzio, poiché i sintomi sono sgradevoli anche solo da raccontare.

Sensibile a problemi che tanto influiscono sulla qualità di vita, Takeda è da sempre attiva in questo settore, e sin dal 1991 lo rivoluziona introducendo in novanta nazioni il primo inibitore della pompa protonica (per contenere la secrezione dei succhi gastrici) inaugurando così l'ultima generazione di farmaci contro ulcera peptica e reflusso gastrico. Gli inibitori di pompa permettono di tenere sotto controllo i più fastidiosi sintomi delle malattie acido correlate e aiutano a migliorare lo stile di vita dei pazienti.

Takeda sta anche rendendo disponibili nuovi farmaci specialistici innovativi in aree terapeutiche con bisogni ancora non soddisfatti, a beneficio dei pazienti e delle loro famiglie, come il primo medicinale biotecnologico a selettività intestinale, un anticorpo monoclonale approvato per il trattamento di adulti con colite ulcerosa attiva o malattia di Crohn da moderata a grave.

Per maggiori informazioni è possibile consultare le schede sulle patologie gastroesofagee, sulla colite ulcerosa e sulla malattia di Crohn.

Le informazioni riportate nelle schede della presente sezione non sono esaustive; per ulteriori informazioni sulla patologia rivolgersi al proprio medico.